#Contributi per reti di impresa per #artigianato #digitale

01.09.2016 08:33

Contributi fino al 70 per cento dei costi e un tetto massimo di 800mila euro alle reti di impresa per l’artigianato digitale.

Beneficiari

Possono accedere alle agevolazioni le imprese formalmente riunite, in numero almeno pari a cinque, in associazione temporanea di imprese (Ati), in raggruppamento temporaneo di imprese (Rti) o ancora in rete di imprese. Il network  deve essere costituito da imprese artigiane o da microimprese per una quota  pari al 50 per cento dei partecipanti che abbiano stipulato, anche tramite scrittura privata, un accordo di collaborazione che individui il soggetto titolato a intrattenere rapporti con il ministero e preveda, in caso di ammissione della proposta ai contributi la sottoscrizione di un contratto di rete o di un consorzio.

Programmi 

Sono ammessi ai contributi i programmi finalizzati alla creazione di centri per l'artigianato digitale, anche virtuali, in cui si svolgano attività di ricerca e sviluppo finalizzate alla creazione di nuovi software e hardware in grado di concorrere allo sviluppo delle tecnologie di fabbricazione digitale e di modalità commerciali non convenzionali, nonché alla diffusione delle conoscenze acquisite alle scuole, alla cittadinanza, alle imprese artigiane e alle microimprese; incubatori in grado di facilitare, attraverso la messa a disposizione di spazi fisici, dotazioni infrastrutturali e specifiche competenze, lo sviluppo innovativo di realtà imprenditoriali operanti nell'ambito dell'artigianato digitale; centri finalizzati all'erogazione di servizi di fabbricazione digitale come la modellizzazione e la stampa 3D, la prototipazione elettronica avanzata, il taglio laser e la fresatura a controllo numerico, nonché allo svolgimento di attività di ricerca e sviluppo centrate sulla fabbricazione digitale.

Requisiti

I progetti dovranno prevedere spese ammissibili non inferiori a 100 mila euro e non superiori a 800mila euro nonché una consistenza del fondo patrimoniale comune almeno pari al 30 per cento dell'importo di spesa del programma proposto. I progetti dovranno essere avviati dopo la presentazione della domanda e comunque non oltre i 60 giorni successivi alla data di ricezione del provvedimento di concessione; prevedere una durata non inferiore a 24 mesi e non superiore a 36 mesi dalla data di ricezione del decreto di concessione; prevedere forme di collaborazione con istituti di ricerca pubblici, università, istituzioni scolastiche autonome ed enti autonomi con funzioni di rappresentanza del tessuto produttivo; essere localizzati sul territorio nazionale.

Spese ammissibili

Tra le spese ammesse a finanziamento rientrano quelle sostenute per l’acquisto di  beni strumentali nuovi di fabbrica; componenti hardware e software strettamente funzionali al programma;  personale dipendente del beneficiario e delle imprese che ne fanno parte; consulenze tecnico‐specialistiche, servizi equivalenti e lavorazioni eseguite da terzi; materiali di consumo strettamente funzionali alla realizzazione di attività di ricerca, sviluppo e prototipazione; spese per la realizzazione di prodotti editoriali finalizzati alla diffusione delle nuove tecnologie di fabbricazione e vendita digitale oggetto del programma ammesso alle agevolazioni.

Contributo

Le agevolazioni sono concesse, nel rispetto dei limiti previsti dal regolamento de minimis per una percentuale pari al 70 per cento delle spese ammissibili. Il beneficiario dovrà garantire, per la quota non coperta dall'agevolazione l'apporto di un contributo finanziario, attraverso risorse proprie o mediante finanziamento esterno.

Decreto:LINK

—————

Indietro