la risorsa per le imprese

Contributi all'ospitalità agrituristica

11.10.2012 21:28

 

Gal Euroleader ha pubblicato un bando, a valere sul Programma Regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013, azione “Ricettività turistica”, con riferimento all’intervento “Interventi a sostegno dell’ospitalità agrituristica”, al fine di sostenere l’accoglienza in agriturismi finanziando interventi strutturali, con particolare attenzione agli interventi che valorizzano il patrimonio architettonico rurale e tutelano la qualità ambientale, la storia locale e le tradizioni culturali.

Beneficiari dell’aiuto sono le aziende agricole che soddisfano i seguenti requisiti:

  • siano iscritte al Registro delle Imprese tenuto presso le CCIAA competenti per territorio;
  • con sede operativa oggetto di intervento ai sensi del presente bando localizzata in uno dei Comuni del Gal;
  • siano iscritte all’Elenco degli operatori agrituristici dell’Ufficio del Registro delle Imprese della CCIAA della Provincia e, solamente per le imprese già esercenti l’attività agrituristica, siano anche in possesso della prescritta autorizzazione comunale.

Verranno finanziati esclusivamente i progetti dei richiedenti che fanno parte o che si impegnino a far parte di una rete esistente di ricettività turistica organizzata giuridicamente riconosciuta (es. consorzio, associazione, cooperativa) per un periodo adeguato ad assicurare il rispetto del vincolo di destinazione d’uso.

Gli interventi oggetto di aiuto sono localizzati nel territorio dei Comuni del GAL costituito dai seguenti 28 comuni: Amaro, Ampezzo, Arta Terme, Cavazzo Carnico, Cercivento, Comeglians, Enemonzo, Forni Avoltri, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Lauco, Ligosullo, Ovaro, Paluzza, Paularo, Prato Carnico, Preone, Ravascletto, Raveo, Rigolato, Sauris, Socchieve, Sutrio, Tolmezzo, Treppo Carnico, Verzegnis, Villa Santina, Zuglio.

Sono ammessi a finanziamento gli interventi diretti a:

  • effettuare lavori di ammodernamento ed adeguamento degli immobili delle strutture da destinare ad alloggio agrituristico;
  • acquistare gli arredi e le dotazioni per l’alloggio agrituristico per l’esercizio della specifica attività ricettiva secondo la normativa regionale di settore;
  • acquistare le attrezzature necessarie per l’attività di impresa relativa all’attività ricettiva;
  • acquisire i servizi di consulenza specialistica per il miglioramento dell’offerta e dell’accesso al mercato turistico nel limite del 25%, comprensivo delle spese generali, dell’investimento di cui alle precedenti lettere

Sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

  • lavori di ammodernamento ed adeguamento;
  • fornitura di arredi, attrezzature, impianti e dotazioni per lo svolgimento della specifica attività agrituristica in conformità alla normativa regionale vigente in materia di agriturismo;
  • spese generali, comprensive delle spese tecniche, fino alla misura massima del 12% dell’importo dell’investimento cui sono funzionali;
  • servizi di consulenza specialistica per il miglioramento dell’offerta e dell’accesso al mercato nel limite del 25%, comprensivo delle spese generali di cui alla lettera c), dell’intero investimento.

Non sono ammissibili:

  • l’imposta sul valore aggiunto (IVA);
  • acquisto di terreni;
  • lavori di manutenzione ordinaria degli immobili e loro pertinenze da destinare all’attività agrituristica;
  • lavori eseguiti con apporto di lavoro proprio (lavori in economia);
  • acquisto di materiale informatico (hardware e software);
  • acquisto di attrezzature o materiali usati (compreso mobili restaurati);
  • acquisto di beni non durevoli ovvero di consumo ordinario;
  • acquisti documentati da fatture di importo inferiore a euro 100,00;
  • investimenti di semplice sostituzione di un bene in uso
  • acquisto di beni gravati da vincoli
  • spese per la fornitura di energia elettrica, acqua, luce, riscaldamento, telefono
  • spese per le quali il beneficiario abbia già fruito di altre misure di sostegno finanziario regionali e/o nazionali e/o comunitarie
  • spese accessorie quali spese di trasporto, carico e scarico, spese per imballi, smontaggio, trasferta ed ogni altro onere avente carattere accessorio (es. bolli e visure)

Sono riconosciute ammissibili solo le spese sostenute dopo la presentazione della domanda di aiuto.

L’intensità dell’aiuto è pari a:

  • Investimento realizzato da giovani imprenditori 60%
  • Investimento realizzato da altri imprenditori 50%

L’aiuto massimo concedibile è pari a euro 90.000,00.

Scadenza: 27/12/2012

Bando : LINK

Indietro

Cerca nel sito

CONTRIBUTI FVG ® 2019