CCIAA Ud: reti di impresa per l'internazionalizzazione

26.10.2013 08:29

Possono presentare domanda di contributo:

a) Raggruppamenti di PMI con forma giuridica di "contratto di rete", senza soggettività giuridica, ai sensi della normativa vigente;
b) A.T.I. Associazioni Temporanee di Imprese;

2) Raggruppamenti di PMI con forma giuridica di "contratto di rete", con soggettività giuridica, ai sensi della normativa vigente.


Sono ammesse a finanziamento le spese per:

a) Spese per consulenza specialistica volte ad identificare, sviluppare e gestire un percorso di internazionalizzazione dell’aggregazione comprensivo di check-up aziendale, identificazione delle opportunità del paese target, redazione di un business plan di internazionalizzazione e sua applicazione, ricerca partners, valutazione delle partnership commerciali e produttive, ammissibili nei limiti del 20% del costo totale dell’iniziativa ammissibile a contributo;
b) Le spese per consulenza specialistica ed organizzazione relative ad incontri b2b e viste aziendali, ammissibili fino al 10% del costo totale dell’iniziativa ammissibile a contributo;
c) Spese per l’affitto di sale, show room e/o uffici di rappresentanza a favore della rete, se a fronte di contratti registrati e accompagnati, se del caso, da traduzioni, nei limiti del 40% del costo totale dell’iniziativa ammissibile a contributo;
d) Costi per la realizzazione di materiali promozionali e informativi unicamente relativi al Progetto, compreso l’ acquisto di spazi promozionali sui media, nei limiti del 30% del costo totale dell’iniziativa ammissibile a contributo; 
e) Costi per la realizzazione di uno specifico sito internet finalizzato alla promozione del progetto comune all’aggregazione, in lingua inglese o nella lingua del paese target, nel limite massimo di € 20.000,00;
f) Spese notarili e di registrazione sostenute per la costituzione dell’A.T.I. e/o per la formalizzazione del contratto di rete, con riferimento unicamente all’onorario, nell’importo massimo di spesa ammissibile di € 1.000,00; 
g) Spese per la partecipazione a fiere, esposizioni, manifestazioni economiche, incontri b2b, limitatamente ai costi per quota di iscrizione alla manifestazione, costo della superficie espositiva, allestimento, assicurazione, trasporto e spedizione prodotti e materiali.


L’agevolazione concedibile per ciascuna domanda consiste in un contributo a fondo perduto, in conto capitale, sulle spese sostenute e ritenute ammissibili per l’acquisizione di beni e servizi di cui all’art. 7 del Bando, nella percentuale massima del 60% della spesa ammissibile.

Saranno esclusi i progetti con spesa ammissibile inferiore a euro 20.000,00.

Il contributo concedibile non potrà, in ogni caso, superare l’importo di euro 40.000,00 per progetto.


Le domande di contributo devono essere presentate entro il 31/10/2013

Per info e modulistica: LINK

—————

Indietro